Passa ai contenuti principali

STITCHES



Regia: Connor McMahon
Interpreti: Ross Noble, Tommy Knight, Lorna Dempsey

"Questa festa spacca sul serio adesso.."

Correvano i primi anni 90, quando un gruppo di ragazzotti si trovava tutti gli anni a trascorrere le vacanze insieme, "stessa spiaggia stesso mare" ovviamente. Tra una serata in spiaggia ed una nell'amena discoteca locale, spesso e volentieri ci scappava il cinema. All'aperto. Con le sedie di ferro e le zanzare che parevano elicotteri. In quel cinema abbiam visto di tutto, con predilezione ovviamente per l'horror che andava dai Nightmare, alle proiezioni speciali di "Venerdì 13"; a ciofeche inguardabili tipo "I delitti del gatto nero" (mi pare si chiamasse così) ed altre delizie di ogni tipo...
L'amarcord soltanto per dire che la visione di questo "Stitches" mi ha riportato irrimediabilmente a quei tempi. Che io poi, manco lo volevo vedere. Già i clown mi danno ansia, credo che con "It" Stephen King abbia traumatizzato una intera generazione,  poi dopo aver dato una occhiata al trailer su IMDB, mi ero detta, "no grazie...passiamo ad altro". Ed invece, come capita spesso,  leggendo qua e là sui blog mi sono imbattuta in recensioni molto positive che hanno acceso la (solita) parte un pò più folle della mia anima cinefila. Quindi in un pomeriggio di pioggia (no, la sera un film del genere no..), con i bambini ovviamente in altre faccende affaccendati, ho preso il coraggio a due mani e me lo son guardato tutto.
La storia è semplice. Richard "Stitches" è un clown ubriacone e pure un pò porcello, che campa animando le feste per i bambini, bambini che lui detesta e chiama "piccoli bastardi". Durante il compleanno del piccolo Tom, a causa di uno scherzo, il clown muore. Anni dopo, grazie ad un rito organizzato da una setta di clown, "Stitches" torna in vita per vendicarsi dei responsabili della sua morte.
Che dire??McMahon non lavora certo di fino, anzi. Qui lo splatter è premuto a tutta velocità, e tra cervelli estratti con la paletta per il gelato, intestini usati come palloncini per costruire animali, e occhi che schizzano come proiettili ce n'è per tutti.
Ma il filmaccio (perchè di questo si tratta, diciamolo pure..), non è proprio così tremendo, anzi.
McMahon dimostra una estrema cura nella sua realizzazione, nonchè nella caratterizzazione di tutti i personaggi, a partire da Stitches, interpretato da un Ross Noble che sembra divertirsi moltissimo, per finire con il gruppo di adolescenti destinati al massacro, per una volta "normali" (per quanto lo possa essere un gruppo di traumatizzati d'infanzia causa omicidio) non il solito gruppo di deficienti a cui augurare morte lenta e dolorosa.
Insomma, lo ammetto, nonostante lo slasher devastante, in alcuni momenti mi sono davvero divertita. La scena della finestra, quando Tom si accorge della presenza di Stitches alla festa e quella della morte dell'amico cicciotto sulle note di "i just die in your arms tonight" sono momenti irresistibili di quello che, nella sua grettezza, risulta essere comunque un film di genere fatto con passione e competenza.
Prodotto a basso costo, "Stitches" è stato realizzato con il contributo dell'Irish Board; in pratica fondi statali irlandesi, come per "Grabbers" hanno avuto il coraggio di finanziare un horror, ed oltretutto non particolarmente colto...complimenti una bella ventata di aria fresca e coraggio che servirebbe anche dalle nostre parti!
Ah...di "Stitches" non è prevista uscita italiana al momento...strano eh??

Commenti

  1. Risposte
    1. la stessa cosa che ho detto io appena letta la prima rece..invece il filmaccio una occhiata se la merita!!

      Elimina
  2. L'ho visto da poco: talmente trash da risultare a tratti imbarazzante, ma in fondo divertente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, in alcuni punti e' davvero tremendo, e per questo riesce a divertire

      Elimina
  3. sarà trashissimo ma io mi sono divertito in maniera veramente suina....

    RispondiElimina
  4. Come ho già detto: una cazzata meravigliosa ;)

    RispondiElimina
  5. Sono contentu tu abbia preso coraggio e l'abbia visto. Film cazzoni come questo fanno bene alla salute.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…