Passa ai contenuti principali

ZERO DARK THIRTY




Regia: Kathryn Bigelow

Interpreti: Jessica Chastain, Jason Clarke, Joel Edgerton.


"Che cosa ha fatto per noi?Voglio dire, oltre Bin Landen"
"Niente,  oltre Bin Laden per voi non ho fatto niente."

Kathryn Bigelow, dopo il magnifico "The Hurt Locker", torna a lavorare con Mark Boal  su tematiche a dir poco incandescenti. Il risultato è quello che, per me, è il suo film migliore, "Zero Dark Thirty".


"Zero Dark Thirty" è la cronaca di una caccia all'uomo, quella ad Osama Bin Laden, durata 10 anni. Prenderlo è lo scopo primario, nessun metodo è bandito, ma a porvi la parola fine sarà una intuizione, portata avanti con una tale tenacia da sfiorare l'ossessione da Maya, una giovane agente della CIA, totalmente dedita al suo lavoro, interpretata da una superba Jessica Chastain. Di Maya non sappiamo nulla, non ha passato, non ha vita privata, è un soldato, anche se il suo incarico si svolge per la maggior parte dietro una scrivania, totalmente dedito alla  causa, e anche se, come si vede nelle sequenze iniziali della tortura, all'inizio pare quasi non approvare i metodi con cui questa guerra viene combattuta, conosce il proprio ruolo ed i limiti che le sono imposti. Talmente dedita al suo scopo che, quando Osama viene ucciso, non sappiamo se il suo pianto sia di sollievo o di disperazione perchè ora non ha più niente per cui lottare.
Lontano da qualsivoglia forma di propaganda, "Zero Dark Thirty" è una analisi quasi chirurgica, di una pagina recente, e dolorosa, della storia americana. I successi e gli insuccessi, gli attentati a Londra e in Pakistan, la morte della collega sono spietati e disperati, nonchè raccontati in maniera scarna ed essenziale,
Mark Boal, grazie ai suoi trascorsi di giornalista, confeziona una sceneggiatura praticamente perfetta, ai limiti della cronaca. Kathryn Bigelow da una grande lezione di cinema. Di lei si è spesso detto che è una donna che gira film "come un uomo". Secondo me è soltanto una donna che ha un immenso talento e gira film come un grande regista.
In "Zero Dark Thirty" non manca nulla e nulla è eccessivo.
L'ultima mezz'ora girata in tempo reale e con un montaggio veramente da paura ti inchioda alla poltrona. Ma quando tutto finisce c'è soltanto un veloce riconoscimento del cadavere e la catalogazione di quanto ritrovato nel covo. Non ci sono parate, non ci sono eroi. Alla fine quasi mi alzavo ad applaudire.
Impeccabile.








Commenti

  1. uan superbomba di film! grande Bea ;)
    ma anche te sei stata presa dalla Chastain fobia? abbiamo tutti lei come sfondo! ahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film meraviglioso, un vero e proprio capolavorone. La Chastain in questo film è superba, spero che vinca l'Oscar. E questa foto era davvero bella!!

      Elimina
    2. vero bea lei se lo merita troppo l'oscar... anche se la lawrence gli darà battaglia ;)

      Elimina
    3. Il film con la Lawrence è in lista...prima o poi lo vedrò!!

      Elimina
  2. Finalmente stasera lo vedrò anch'io, appena prima degli Oscar:)

    RispondiElimina
  3. facciamo che d'ora in poi lascerò un commento dovesse mai capitare che non ci si trova d'accordo? :)

    RispondiElimina
  4. Grande, grande film, tecnicamente e non solo.
    Uno dei migliori di quest'anno, senza dubbio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero.Film gigantesco che avrebbe meritato agli oscar qualcosa in piu'.

      Elimina
  5. fantastico!
    il mio preferito della big bigelow però credo rimanga ancora strange days...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. filmone anche quello. Ma qui per me siam davvero al top!

      Elimina
  6. film attesissimo dalla sottoscritta, in quanto estimatrice di Kathryn dall'anno scorso, appena lo vedo - non vedo l'ora di farlo - saprò dare il mio parere ^^ magari ti posto il link qui ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardalo mi raccomando.. e fammi sapere!

      Elimina
  7. L'ho visto domenica scorsa, e devo ancora decidere se mi è piaciuto o meno. Non riesco ad essere così entusiasta come te e come ho letto da altre parti ... pur riconoscendo la grandezza tecnica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me siam al top sotto ogni aspetto.Ma capisco che ognuno di noi la vede in modo diverso.

      Elimina
  8. Bene bene! Anche tu ormai sei iscritta al culto di Zero Dark Thirty! Una vera e propria religione parallela !

    RispondiElimina
  9. Bho.....mi sembro matto.L'ho trovato ben piu' ruffiano,propagandistico ed istituzionale di Lincoln.
    Insopportabile messa in scena di una baggianata storica.
    E tutti ad incensarlo! Non sono riuscito ad andare oltre,e godermi la perfetta padronanza del mezzo dell'Imperatrice della manovella,la Bigelow che io amo tanto.. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sior Giocher..che dirle..?tutto mi e' parso fuorche' ruffiano..e dal punto di vista cinematografico siam oltre il top...poi facci lei...

      Elimina
  10. Devo ancora vederlo! Spero di recuperarlo presto.

    RispondiElimina
  11. Sono contenta Beatrix che tu parli bene di questa pellicola , perchè ho sentito voci discordanti!
    Io sono una fanatica della Bigelow, mi è sempre piaciuta e vedrò , grazie alla tua recensione , con piacere questa pellicola..
    Grazie e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara, la Bigelow e' grandiosa. E qui e' al suo massimo. Non appena ne avrai voglia vai.E ovviamente fammi sapere.

      Elimina
  12. Di questo devo parlare al più presto, comunque incredibile il risultato che ha ottenuto agli Oscar. Incredibile in negativo.

    RispondiElimina
  13. Non ne parliamo va..:( Ma forse e' un film un po' fuori dai canoni dell'Academy.Contenta comunque per Argo

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…