Passa ai contenuti principali

PROFESSIONE ASSASSINO



Regia: Simon West
Interpreti: Jason Statham, Ben Foster, Donald Sutherland.

Trama: Bishop è un killer specializzato nel far sembrare incidenti quelli che in realtà sono omicidi. Quando riceverà l'ordine di uccidere il suo mentore Harry, sospettato di tradimento nell'organizzazione di cui fa parte, eseguirà il tutto senza batter ciglio. Presto però conoscerà il figlio di Harry, Steve, che, assetato di vendetta, chiederà a Bishop di insegnarli il mestiere, così da uccidere chi ha eliminato suo padre.

"metterò una taglia sulla tua testa così grossa che quando ti guarderai allo specchio vedrai il tuo riflesso che vuole spararti in faccia..."

Un remake di un film con Charles Bronson, diretto da Simon West ed interpretato da Jason Statham non crea aspettative altissime, anzi, diciamo la verità, fosse stato per me avrei saltato pari pari, ma la scelta del film, questa volta, spettava al marito, e lui, attirato dalla trama, non ha avuto esitazioni.
Mi immaginavo una tamarrata con tutti i crismi, una sequenza ininterrotta di botte e botti...ed invece...sorpresa!
"Professione assassino" è un buon thriller, certo, un filino roboante lo è, ma è girato con professionalità, coinvolgente e davvero ben fatto.
Sotto le mazzate, pare incredibile, giace una sceneggiatura curata, con un paio di dialoghi davvero fulminanti, in cui i personaggi hanno un minimo di spessore, dove si mischiano (distorto) senso del dovere con il desiderio di vendetta.

Il protagonista principale,poi, è perfetto per il ruolo. Jason Statham è, nel bene e nel male, forse l'unico vero erede di Stallone, come lui possiede infatti una sola espressione, ma in "Professione Assassino" dimostra che, se non lo si lascia completamente a briglia sciolta ma gli si fornisce un discreto copione riesce comunque a fornire una interpretazione più che discreta.
Niente di eccezionale quindi, ma una pellicola bella tosta e dalla tensione costante che, senza avere grosse pretese, è comunque decisamente meglio di tanto visto fino ad ora.


Commenti

  1. Sarà anche l'erede di Stallone, ma a me Statham riesce a smuovere almeno un paio di ormoni, cosa che il vecchio Sly non è mai riuscito a fare...
    (ti mancava un commento così profondo, eh?) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro i tuoi commenti, e lo sai!:)
      p.s. Diciamo che a me smuovono poco entrambi!

      Elimina
    2. Perbacco!! Jason STATHAM!!!! Altro chè ormoni... Mi smuove tutto, quello lì. E poi non è così male, dai... Anche nei film di .. coso lì, l'ex marito di Madonna, è bravino!

      Elimina
  2. Ehehehehe..io l'ho visto..e non mi è dispiaciuto affatto..anzi..e poi, lui, merita davvero ;)
    Ho visto il banner :) Perfetto :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film non è niente male (grazie al marito per la scelta)...ma lui, che te devo dì...
      Per quanto riguarda il banner, l'iniziativa merita dai!!

      Elimina
  3. Vuoi vedere che West finalmente ha trovato la sua strada...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo avrei mai detto, ma il film una visione la vale tutta!

      Elimina
  4. Statham in realta' saprebbe anche reciticchiare a piu' espressioni, volendo.
    Snatch-Lo strappo- ne e' la prova.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi manca..debbo recuperarlo.

      Elimina
    2. Signora mi'..mma qui si cade sui fondamentali! -_-'

      Elimina
  5. Concordo con te Beatrix, soprattutto per la sola espressione del protagonista....
    Ma abbiamo visto di ben peggio..
    Serena serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si dai, lui non è il massimo, ma il film è carino!

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…