Passa ai contenuti principali

OSCAR 2013 - I VINCITORI



I giochi sono fatti. Ovviamente sto parlando dei premi Oscar (per quanto riguarda le elezioni dobbiamo aspettare domani per sapere se  in questo paese di merd,  in questa nostra bella Italia  spiri il vento del cambiamento oppure no) assegnati, come si sa, questa notte a Los Angeles. Tanti i vincitori, nessun vero trionfatore. Ho visto qualcosina, molto poco, tra i candidati. Un paio li ho evitati e continuerò ad evitarli; gli altri sono lì, in attesa. Non ho seguito in diretta la cerimonia, se mi cimentassi in una impresa del genere non arriverei viva al lavoro la mattina successiva, ma appena svegliata ho guardato immediatamente chi si è aggiudicato l'ambitissima statuetta. E queste sono le mie impressioni. 


Miglior film «Argo» Ben Affleck: al grido di  Argo fuck-yourself dopo aver fatto incetta di premi un pò ovunque, il film di Affleck si porta a casa pure l'Oscar. Nonostante l'amatissimo "Zero Dark Thirty" torni a casa a mani vuote (ma credo non avrebbe mai vinto); ha comunque trionfato un bellissimo film, forse il mio favorito dello scorso anno solido,  con una regia, inspiegabilmente ignorata, perfetta. 

Attore protagonista Daniel Day-Lewis «Lincoln»: premio ampiamente annunciato. Non avendo visto nessuno dei film in gara non ho il parametro per giudicare le altre performance. Ma lui rimane un grandissimo.
Attrice protagonista Jennifer Lawrence «Il lato positivo»: vedere tornare a casa una superlativa Jessica Chastain a mani vuote fa rabbia. Ma...anche se non ho ancora visto il film, uno dei più prossimi nella lista, la ragazza mi piace. E' bravissima, illumina persino una porcheria come "Hunger Games", bella, e pare pure simpatica...il capitombolo sul palco mi ha fatto tenerezza...un pò di deliziosa goffagine a 22 anni ci vuole!
Attore non protagonista Christoph Waltz, «Django Unchained»: anche qui, incolpevolmente, non ho ancora visto il film. Ma lui è un grande, grandissimo. Quindi premio strameritato, per ora, sulla fiducia.
Attrice non protagonista Anne Hathaway, «Les Misérables»: ecco, "I Miserabili "è uno di quei due film che continuerò ad evitare. Quasi tre ore  ininterrottamente cantate sono troppe, anche per una a cui i musical non fanno poi così schifo. Altro premio ampiamente annunciato. Bene, brava. Non metto in dubbio la performance, ma lei, nonostante "Il Cavaliere Oscuro il ritorno", continua a provocarmi un'inspiegabile fastidio...
Regia «Vita di Pi» di Ang Lee: qui il discorso è un pochino diverso. Mancavano, inspiegabilmente, i tre migliori registi: Affleck, Tarantino e "Queen" Bigelow. Quindi già si partiva male come cinquina. "Vita di Pi", poi, è il secondo film che continuerò ad evitare; qualcosa in lui mi puzza di ruffianeria, ho odiato persino il libro. Quindi non capisco il premio ad Ang Lee. Ecco.
Film straniero «Amour» di Michael Haneke: io con Haneke devo ancora fare pace dai tempi di "Funny Games", film che ho detestato con tutto il mio essere. Riservo ogni giudizio in attesa di vedere la pellicola.
Sceneggiatura originale Quentin Tarantino «Django Unchained»: anche per questa categoria esce sconfitto "Zero Dark Thirty" ed il suo bellissimo script firmato Mark Boal. Ma qualsiasi premio dato a Tarantino, in attesa dell'Oscar per la miglior regia, va bene.
Sceneggiatura non originale Chris Terrio per «Argo»: per quanto mi riguarda incontestabile.
Lungometraggio animato «Ribelle - The Brave»: forse c'era di meglio. Ma a me questa Pixar vecchio stile è piaciuta molto, quindi non posso che essere contenta...e poi, tra i candidati era il preferito della bacarospetta.
Canzone «Skyfall» di Adele Adkins e Paul Epworth per «Skyfall». Altro premio già ampiamente annunciato. E meritatissimo diciamolo. Un brano suggestivo, meraviglioso. La adoro.
Cortometraggio animato «Paperman» pochi minuti in bianco e nero per una vera e propria magia. Bellissimo.





Commenti

  1. ah ah ah ah!
    potrei averlo scritto io! :)
    ogni volta che vedo la faccia della hathaway il primo istinto è quello di infilarle un bigMac in bocca. Intero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco quoto dall'inizio alla fine XD Un giorno ce lo spiegheranno che ha sta Hathaway ...

      Elimina
    2. che poi in alcuni film mi e' anche piaciuta. Non so perche' ma sta storia della dieta, dei capelli ripetuta per mesi mi ha pero' un po ' infastidito nei suoi confronti.. che dire...

      Elimina
  2. Concordo a proposito dello script di ZDT, mentre per la regia io avrei osato con Zeitlin ed il suo Beasts of the Southern Wild.
    Ma l'Academy non è Ford, del resto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ZDT meritava di piu' ma forse e' un film che non rientra nei canoni Academy. Beast of the Souther Wilde non l'ho ancora visto.Debbo rimediare.

      Elimina
  3. Tutto ciò che va a Quentin & soci è buono e giusto (mi raccomando recupera Django assolutamente!!).

    Ti consiglio anche di recuperare almeno Vita di Pi se non vuoi sorbirti Les Misérables, anche se la performance della Hathaway è a dir poco incredibile.

    Quanto a The Brave, scandalo!!! ho trovato molto ma molto più bello il poetico e divertentissimo Frankenweenie <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Django ....gia' e' vergognoso che non l'abbia ancora visto..:-).Guarda, piuttosto che Vita di Pi recupero i Miserabili!

      Elimina
  4. Ho sentito al TG..ieri sono crollata..sono contenta per Tarantino..per lui ho un debole :)
    Un abbraccio :*

    RispondiElimina
  5. AMO Django Unchained. Non devi assolutamente perdertelo, è un capolavoro!

    RispondiElimina
  6. A me la Hataway non dispiace. Cioè, è un po f.ga di legno però, insomma. Come dicono qui: Una bruta xè fata difarente"
    Poi adoro il musical, adoro i Miserabili (proprio il romanzo)... cosa voglio di più?
    In generale, però, no mi sembra che ci siano stati grandi botti, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No...grossi botti no. I miserabili e' un libro grandioso, che vorrei pero' rileggere.

      Elimina
  7. Anne è straordinaria: non c'era gara, le altre erano mediocri.
    Argo è è un bellissimo film con una regia perfetta. Guarda Django assolutamente:) Vedere Spielberg sconfitto è una goduria coi fiocchi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povero Spielberg!Comunque e' l'artefice di film grandiosi dai.. Argo film stupendo...mi state facendo venire voglia di recuperare I Miserabili!:)

      Elimina
  8. Nonostante le incazzature per la mancata statuetta alla Chastain (tifavo per lei), e le statuette date ai Miserabili (anche se forse quello della Hathaway è meritato), mi sarei più o meno ritenuto soddisfatto quest'anno... quando ho visto dare 4 statuette tra cui miglior regia ad Ang Lee mi son caduti i gioielli a terra.. vergogna, vergogna e vergogna, lasciare tra l'altro "Re della terra selvaggia" a bocca asciutta!
    Per il resto go Argo and go Django.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Chastain meritava tutto, il suo e' un personaggio stratosferico interpretato divinamenta. Ma la Lawrence mi e' simpatica, e' brava assai, quindi son contenta. Il premio ad Ang Lee lo han capito in pochi temo...

      Elimina
  9. secondo me questa notte degli oscar ha decretato un vincitore a metà, o meglio a due terzi ( perchè Argo se lo premi come film e come sceneggiatura lo devi anche premiare per la regia ma Affleck non lo hanno messo tra i migliori registi a meno che la regia in Argo sia un'optional e non mi è parso fosse così...) e molti sconfitti tra cui il principale Spileberg...e poi premi a pioggia manco fosse un finanziamento statale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che sono abbastanza d'accordo. Un contentino a tutti tranne Spielberg...

      Elimina
  10. Mai come quest'anno...Votazioni italiche e dell'Accademy sotriscono il medesimo effetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lasciam perdere l'Italico voto va'...:-(

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…