Passa ai contenuti principali

JOHN DIES AT THE END


Regia: Don Coscarelli
Interpreti: Paul Giamatti, Chase Williamson, Rob Mayes

L'influenza imperante in casa ha fatto saltare il carnevale, quindi ho finalmente colto l'occasione, questo fine settimana, per guardare l'osannatissimo "John dies at the end".
Tratto da un libro, a sua volta nato come blog-novel, di David Wong, fortemente voluto da Paul Giamatti, tra i miei attori preferiti, che figura come produttore, diretto da un regista di culto (di cui ammetto di non aver visto le precedenti opere) "John dies at the end" è....ecco...cos'è davvero?? Qui si parla, anzi si sproloquia, di uno dei film forse meno catalogabili della storia.
In "John dies at the end" c'è dentro tutto ed il contrario di tutto.
Una droga , la "salsa di soia" che promette esperienze extra corporee (ma non fa più tornare umani), un pusher giamaicano chiamato Robert Marley (!!), mostri di carne, mondi paralleli, hot dog usati come telefonini, schifosi mostri striscianti, predicatori, cani che guidano l'automobile, porte magiche...no, no, sono decisamente troppo vecchia per questa roba, eccola la cruda verità che mi è apparsa, chiara e limpida dopo il primo quarto d'ora...

 Però debbo ammetterlo, dopo l'iniziale, e comprensibile, smarrimento, è stato come salire sulle montagne russe, o se preferite entrare nella casa degli orrori al luna park, basta lasciarsi andare un pochino e ci si diverte pure. 
Formalmente curatissimo, interpretato da Chase Williamson e Rob Mayers che non si capisce bene se ci sono o ci fanno, con un Paul Giamatti a cui Coscarelli ha regalato un ruolo perfetto, ed un Clancy Brown strepitoso nei panni del dottor Marconi, "John dies at the end" alla fine non è nulla più di un ottovolante cinematografico sconclusionato eppure intelligentissimo, i suoi non sono spaventi gratuiti, straniante ed irresistibile che infrange tutte le regole scritte fino ad ora.
Coscarelli, che ripeto, dirige benissimo, pare un Cronenberg o un Lynch sotto acido, inserisce citazioni a profusione. Ogni tanto in questo marasma ci si perde un pò, non bisogna mai spegnere il cervello durante la visione, ma Coscarelli, debbo ammetterlo lascia lo spettatore tra lo sconcertato ed il piacevolmente soddisfatto.
Tra "Quella casa nel bosco" ed "il pasto nudo" quindi, "John dies at the end" è un prodotto decisamente sorprendente, non per tutti e che in Italia non uscirà mai. 

Commenti

  1. Mi fa piacere quando film come questo vengono apprezzati. Almeno da noi, che in questo caso siamo la nicchia, che come dici tu in Italia non lo vedremo mai. E forse è persino meglio così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è meglio perchè darebbe modo a certa gente che non capisce una mazza di parlare a vanvera. Ma nella sua assurdità stimolerebbe l'intelligenza di molti!

      Elimina
  2. Ah ah ah!
    Beh, dai. Alla fine direi che l'hai gradito!
    E sul fatto che non sia assolutamente classificabile in nessuna categoria "precisa", direi che - anche stavolta - la pensiamo allo stesso modo!

    (io nel frattempo, fidandomi della tua recensione, ho trovato "Day", che prima o poi vedrò...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo un momento di sconcerto, confesso ero tentata di mollarlo ma ho resistito ed ammetto di aver visto una delle cose più intelligentemente folli della mia vita. Incatalogabile davvero.
      p.s. The Day merita.

      Elimina
    2. p.s. lo sai che mi fido! :)

      Elimina
  3. Molto, molto divertente e ben costruito: una pacchia pacchianissima!
    E mi ha ricordato il drive-in di Lansdale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pazzesco, un luna park dell'assurdo incredibile.
      Il drive in ce l'ho lì ancora da leggere.

      Elimina
  4. Bello bello: e' come infilare la mano alla cieca in un secchiello di SuperMix Haribo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son le gommose vero??:) qui però mi sa che le caramelle fanno un pò più schifo...

      Elimina
  5. è come se ti impiantassero il luna park nel televisore e al posto della poltrona stai sul vagoncino delle montagne russe....ma quante volte muore John?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio..ad un certo punto ho perso il conto...davvero pazzesco...

      Elimina
  6. Ti dirò, l'ho iniziato arrapato come una scimmia, ma poi ha finito per dirmi davvero poco. Troppo 'eccessivo' per me, e non tiene sempre il ritmo una volta che è avviato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me ha fatto l'effetto contrario. Inizialmente ero a dir poco sconcertata, dopo, mi sono lasciata andare alla follia e sono riuscita anche a divertirmi.
      Certo, un pochino la mancanza di una sceneggiatura "stabile" a tratti si sente...

      Elimina
  7. Forse avresti bisogno di un po' di "Cronenbergterapia" e non dire di essere troppo vecchia per queste cose....Lang docet! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari recuperare il maestro alle origini sarebbe pure una buona idea...ok, non sono troppo vecchia!!:)

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…