Passa ai contenuti principali

THE ARTIST




Regia: Michel Hazanavicius
Interpreti: Jean Dujardin, Berenice Bejo, John Goodman, Huggy.

Trama:  Hollywood 1927. George Valentin è un noto attore di cinema muto. All'uscita di una prima un giorno, una giovane attrice lo avvicina e si fa fotografare sulla prima pagina di Variety con lui. Dopo non molto tempo Valentin se la troverà sul set di un film come ballerina. E', per la ragazza ,  l'inizio di una sfolgorante carriera con il nome di Peppy Miller. Carriera che  per la ragazza subirà la svolta definitiva con l'avvento del sonoro, mentre George Valentin verrà definitivamente dimenticato.

Come e più di "Prometheus", anche all'appuntamento con "The Artist" mi sono presentata con enorme ritardo. Già, perchè soltanto durante le trascorse vacanze natalizie sono riuscita a vedere  quello che è stato il film-fenomeno dello scorso anno. Ma, in questo caso, c'era anche un filino di diffidenza , perché quando una tale pioggia di premi ed elogi cade su di un solo film io, per natura, divento sospettosa (ed a volte ho avuto ragione...).

Con "The Artist" però i miei timori sono presto caduti.
Nell'era del 3D, dell'IMAX e dei roboanti effetti speciali, Hazanavicius decide di omaggiare il cinema magnificandone la sua più pura essenza, il racconto. E gira un film in bianco e nero, muto.
Il rischio era davvero alto.
Il risultato, pura eccellenza. "The Artist" è un gioiello cesellato con intelligenza ed eleganza, che conquista lo spettatore con quella classe e quella delicatezza che spesso si pensano perdute ma miracolosamente, ogni tanto appaiono.
Senza sonoro ma non senza voce, "The Artist" è un oggetto difficilmente qualificabile, una bella storia d'amore, forse anche un pò furbetta, perchè no? che, con il suo fascino "old style" rimanda ai grandi classici e tocca le corde giuste.Una visione perfetta ed imperdibile sia per chi ama da sempre il cinema sia per lo spettatore più occasionale che, piano piano, non potrà non innamorarsi di questa piccola grande delizia.
Regia da applauso, alcune scene come quella in cui George si specchia nella vetrina sovrapponendosi al manichino del frac sono già culto, bella fotografia e d'atmosfera la colonna sonora. Menzione speciale agli attori.
Jean Dujardin, giustamente premiato con l'Oscar, a cui non serve la voce per raccontare i tormenti di chi è stato grande e preferisce affondare piuttosto che mettere da parte l'orgoglio. Con lui la bellissima e bravissima Berenice Bejo, sua tenera salvatrice, e, tra gli altri, John Goodman, grande ritratto di produttore hollywoodiano. Da applauso Huggy, cane attore ma decisamente non attore cane.
Quindi,per me, un delizioso regalo di natale cinefilo; film davvero perfetto anche in una più intima visione casalinga.


Commenti

  1. beh, prometheus non è che fosse 'sta grossa perdita... eheh
    questo invece è un recupero più che meritato per un film davvero bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, Prometheus potevo lasciare pure stare...questa è stata davvero una bella sorpresa.

      Elimina
  2. Buongiorno,
    Ti contatto tramite commento perché non ho trovato altro modo per farlo.
    Vorrei farti conoscere Paperblog, http://it.paperblog.com piattaforma partecipativa che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I tuoi articoli mi sembrano adatti a figurare tra le pagine del nostro magazine e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

    Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti,

    Silvia
    silvia@paperblog.com
    Responsabile Comunicazione Paperblog Italia
    http://it.paperblog.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…