Passa ai contenuti principali

LA FREDDA LUCE DEL GIORNO




Regia: Mabrouk El Mekhri.
Interpreti: Henry Cavill, Bruce Willis, Sigourney Weaver.

Trama: Will Shaw, consulente finanziario americano, va a trovare la famiglia che vive in Spagna. Presto sara' coinvolto in un misterioso intrigo che mettera' in pericolo la sua famiglia, svelandone contemporaneamente qualche segreti.

Io a Bruce Willis non riesco a volere male. Mai. Nemmeno quando lo piazzano sul manifesto di un film come se fosse il protagonista principale, mentre il buon Bruce interpreta una parte poco più lunga di uno spot pubblicitario. Già, perché il motivo principale per cui uno comincia a guardare "La fredda luce del giorno"  è la convinzione di assistere ad uno dei film tipici con Willis, quindi divertirsi un sacco...ed invece, il nostro eroe  muore (non spoilero, è una pellicola ormai datata) dopo una ventina di minuti, senza avere ammazzato nessuno (almeno mi pare) e lascia il resto del film nelle mani del "figlio" Henry Cavill,  che avrà pure l'occhio ceruleo ed il fisico adatto al genere, ma non possiede nemmeno un grammo del carisma del suo defunto "padre".
Dalla dipartita di Willis parte l'ennesima variazione "uomo ordinario ma con segreto nascosto finisce in situazione straordinaria dopo iniziale smarrimento salva tutta la baracca".
Qualche suggestivo scorcio della costa spagnola ed una discreta regia, El Mekhri gira diligentemente con sincopato ritmo di ordinanza, non salvano "La fredda luce del giorno" da una sensazione di deja vu che lo rendono implacabilmente dimenticabile se non tranquillamente evitabile.
E gli attori non aiutano. L'intero film è sulle spalle di Henry Cavill che ce la mette tutta ma non ce la fa. Poco carismatico, privo del tutto di ironia, forse troppo inesperto, non riesce proprio a far decollare il tutto. Sua antagonista è una bollita Sigourney Weaver, resto del cast, non pervenuto.
Insomma, proprio pochino, anche per un film che come unica ambizione aveva quella di far trascorrere un paio d'ore di puro divertimento. Per una vera serata tamarro-action rivolgersi decisamente altrove.

Commenti

  1. che film inutile. concordo - tanto per cambiare - su ogni cosa! :)

    RispondiElimina
  2. Se è così inutile lo ignoro anche io.
    Sono curioso della tua opinione su The impossible, che io bottiglierò.
    E anche su Io ti troverò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ignora, ignora. Il parere su The impossible arriverà presto (spero) e sarà leggermente diverso dal tuo.
      Quello su Io ti troverò forse no.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Terribile. E Bruce è stato trattato malissimo.

      Elimina
  4. Uno dei peggiori thriller dell'anno, davvero pessimo....

    RispondiElimina
  5. ce l'ho lì da un po' di tempo ma se è così continuerà a prendere la polvere...

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Frank, non hai nemmeno aspettato che seccassero brusuillis? :)

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…