Passa ai contenuti principali

FRANKENWEENIE





Regia: Tim Burton

Trama: Victor è un bambino piuttosto solitario con la passione per la scienza. Suo unico, vero amico è il cane Sparky. Un giorno Sparky muore investito da un'auto. Il dolore per Victor è così forte che, in seguito ad un  esperimento su di una rana a cui ha assistito a scuola durante la lezione scienze, decide di disseppellire il cane e tentare di riportarlo in vita. L'operazione riesce, ma ora Sparky dovrà essere tenuto nascosto. Non sarà una impresa facile.


"Il cane è Viiiivoooooooo"

 
Non sono quello che si definisce una burtoniana, anzi, confesso che Tim Burton lo avevo abbandonato da un pò. L'ultimo suo film visto è stato "The big fish" e poi vista la necessità di fare scelte ponderatissime prima di andare al cinema unita alla scarse fiducia (ed alle pessime critiche lette in giro, debbo ammettere..) nei confronti dei suoi film più recenti, il vecchio Tim l'ho perso per strada.
Ma questo "Frankenweenie", di cui avevo visto il trailer prima di "Argo" e "Ralph Spaccatutto", mi incuriosiva parecchio. Presentato nel 1984 alla Disney da un giovane Burton (mi sono documentata, spero di non scrivere troppe inesattezze..), originariamente un corto con attori in carne ed ossa, l'anno successivo venne agganciato, per la Gran Bretagna, alle proiezioni di "Baby - il segreto della leggenda perduta".
Ora ce lo ripropone, in versione lungometraggio animato, ed il risultato è assolutamente delizioso.
Girato in bianco e nero, utilizzando la tecnica dello stop motion, "Frankenweenie" è un piccolo grande capolavoro del cinema di animazione in cui Burton trasferisce molto di se e del suo amore per cinema e la letteratura horror.
Il personaggio di Victor, novello dottor Frankenstein dal grande cuore ed i pantaloni corti, ed il suo fantastico filmino amatoriale che vediamo all'inizio, possono ricordare a chi guarda un giovane Burton ed i suoi primi esperimenti cinematografici. In "Frakenweenie" inoltre troviamo una galleria di citazioni cinematografiche preziose come piccoli gioielli, la nipote del sindaco che si chiama Elsa Van Helsing, la sua cagnolina che dopo essere stata colpita da un fulmine sfoggia una pettinatura identica a quella della moglie di Frankenstein, il professore di scienze somigliante ad un certo Vincent Price...ma se ne possono trovare tante altre, in una notte indimenticabile..
Tra "Frankenstein Junior" e "Godzilla" , "Frankenwennie" però non è soltanto cinefilia allo stato puro.
In tanta ridondanza cinematografica,  è soprattutto una riflessione su diversità, vita e morte, un piccolo gioiello che diverte e commuove, riportando Burton alla poesia dei suoi primi film.
Davvero una belle sorpresa. Da vedere assolutamente.

Commenti

  1. Anche io Burton non lo seguo più volentieri però questo vorrei proprio vederlo. Il corto l'avevo visto tempo fa ed era davvero un bel vedere (lo trovi su Youtube). Vedremo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena riesco (....) do pure una occhiata al corto...ma questo, ti assicuro, vale davvero le pena.E' una meraviglia!!

      Elimina
  2. Mi fa piacere vedere la tua critica positiva, soprattutto alla luce delle premesse non-burtoniane che condivido in pieno.
    Anche questo, prima o poi, finirà nel nostro lettore... è scritto nel destino di un genitore (credo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di Burton ho visto proprio poco poco. Ma questo è fantastico.
      Mettilo nella lista di quelli da "lettore"....al destino non si sfugge!!:)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Come ho detto, io non sono molto Burtoniana...ma se il vero è questo...evvai si!!

      Elimina
  4. Quindi si trova già in giro? Lo voglio assolutamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho visto in aereo. Nelle sale penso sia uscito ieri....

      Elimina
  5. veramente un bel film, è piaciuto molto anche ai bradipini!

    RispondiElimina
  6. Geniale, bellissimo, imperdibile...sala piena ed applauso finale tanto per capire quanto possa essere piaciuto a tutti. doppiatori eccezionali

    RispondiElimina
  7. una volta amavo alla follia Burton, e non per nulla stavo passando il mio periodo da darkettone depressoide... poi ho notato però che non è che faceva film brutti, bensì pellicola che si concentravano sempre sugli stessi temi e quei personaggi che si autoplagiava da solo. In questo caso non è stato qualcosa di diverso, film delizioso e ben fatto, ma con qualche incertezza in fase di scrittura e sempre le stesse cose che si aspettano da uno come Burton.
    Oramai tutti hanno capito dove va a parere, e non riesce più a stupire - almeno, per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse per una non burtoniana come me è stato più facile da apprezzare, ma mi son divertita parecchio, lo ammetto.

      Elimina
    2. Ma dai, alla fine me lo son goduto pure io nonostante la polemica XP

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…