Passa ai contenuti principali

UN GELIDO INVERNO (WINTER'S BONE)



Regia: Debra Granik
Interpreti: Jennifer Lawrence, John Hawkes

Trama: Ree Dolly ha diciassette anni, due fratellini a cui badare, una madre malata ed un padre in prigione. Quando scopre che il padre è scomparso lasciando la casa come cauzione per uscire di prigione partirà alla sua ricerca per costringerlo a presentarsi al processo ed evitare così di perdere tutto.

L'inesorabile trascorrere degli anni ha segnato un rilevante cambiamento nei miei gusti cinematografici.
Sono arrivata ad apprezzare pellicole che una volta avrei abbandonato dopo pochi minuti.
E' una sorta di elogio alla lentezza ed alla riflessione, contrappunto sullo schermo ad un'epoca in cui tutto è veloce, rumoroso, immediato.
Ecco, la prima parola che mi è venuta in mente dopo aver visto "Winter's bone" è proprio lento, nel senso migliore del termine. Perchè è un film che non ha fretta, parte piano, ma finisce inesorabilmente con l'avvolgerti addosso e lasciarti con il fiato sospeso fino alla fine.
L'altopiano d'Orzak, in Missouri è terra di nessuno, luogo dove vive una sorta di America marginale, con le proprie regole e le proprie leggi; un un luogo in bilico, fatto di uomini che coltivano droga e donne abbruttite e sottomesse, dove a diciassette anni sei costretta a fare da padre, madre, sorella ai tuoi fratellini e la sola soluzione apparente per una vita migliore è l'esercito. Ma Ree queste regole le conosce e decide di tentare il tutto per tutto per salvare i suoi affetti.
"Winter's bone" è un thriller livido e glaciale, freddo come le montagne, affilato come un coltello da caccia. Ma Debra Granik dirige benissimo anche quello che è un romanzo di formazione senza un filo di retorica. Ree è tutto quello che, in un mondo giusto, una ragazzina di diciassette anni non dovrebbe essere; ma la sua testardaggine, la durezza e la sua grazia trasmetteranno una speranza per un mondo migliore.
E Ree è Jennifer Lawrence.
Raramente si è vista una interpretazione tanto potente in una attrice così giovane. Con un carisma ed una maturità sorprendente l'attrice si carica sulle spalle il film, è in scena ininterrottamente praticamente per tutta la durata della pellicola, e lo fa suo, intensa e bellissima promessa che speriamo non si perda in facili blockbuster.
Davvero quindi un film da recuperare, se non spaventano le zone grigie della terra e dell'animo umano.



Commenti

  1. Ma sai che a me (ma devo essere l'unico al mondo..;)) non ha convinto un granché.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto molto, ma l'ho metabolizzato bene prima.

      Elimina
  2. evviva la slowness! Anche a me è piaciuto molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto va tutto così di fretta nella realtà, che almeno al cinema mi siedo e rifletto un pò!:)

      Elimina
  3. Visione personale non delle migliori come qualità ma mi ha fatto scoprire un'ottima attrice in erba!

    RispondiElimina
  4. ps: ottima copertina :)! Uno dei miei film/colonne sonore preferite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, vedo che sta avendo molto successo!:)

      Elimina
  5. la lentezza è un pregio, ma solo quando è ben gestita come in questo caso. altrimenti si può facilmente trasformare in noia :)
    jennifer lawrence enorme, film magnifico, consiglio anch'io a tutti di recuperarlo

    RispondiElimina
  6. Visto settimana scorsa! Fantastico! Un continuo pensare: mah... boh... buh... ohssignur! Mi piaciuto veramente tanto!

    RispondiElimina
  7. Film splendido, come la sua giovane protagonista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gelidamente bello, lei assolutamente incredibile.

      Elimina
  8. sinceramente non l'ho vista perché sapevo che il film era troppo lento.
    vero è che ciò, non sempre, è uno svantaggio, ma non me la sono sentita.

    RispondiElimina
  9. Ricorderò questo film come un thriller talmente glaciale da avermi fatto provare realmente brividi di freddo, e come la pellicola che mi ha fatto innamorare di Jennifer Lawrence.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film è di una bellezza raggelante. Lei è bravissima, spero di rivederla in qualche cosa di meglio di "Hunger Games".

      Elimina
  10. E ci siamo... l'avevo notato anch'io, passato in tv di recente. Ho solo visto qualche scena, però. Alla prossima occasione lo guardo.

    Purtroppo Jennifer Lawrence si sta già perdendo nei blockbuster, spero non duri. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film è da vedere. Lei si, ha accettato quella boiata di "Hunger Games" (in cui debbo ammettere comunque emerge su tutti gli altri attori) che le porterà fama e gloria. Speriamo però, come ho detto anche a Frank, di vederla contemporaneamente in film qualitativamente migliori.

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…