Passa ai contenuti principali

MOONRISE KINGDOM

Regia: Wes Anderson
Interpreti: Kara Hayward, Jared Gilman, Frances McDormand, Bruce Willis, Bill Murray.
Trama: 1965 - la fuga d'amore di due adolescenti getterà scompiglio in una piccola isola del New England.

"Il mio primo amore??Ma il mio primo amore è stato tuo nonno. Era un ragazzino solitario, grande scout. Tutti dicevano che fosse un pò matto perchè era orfano, in realtà aveva solo bisogno di qualcuno  che gli volesse bene...d'altra parte anche di me si diceva fossi un pochino strana....accidenti...ricordo ancora quell'estate la confusione che abbiamo combinato....cosa è successo???Siamo fuggiti...io con il giradischi di mio fratello, una valigia piena di libri e le scarpe della domenica, tuo nonno con tutto l'equipaggiamento da scout. te lo giuro, non sto scherzando...lo vuoi sentire il resto della storia??? Adesso ti racconto....".

Non so perchè, ma la prima immagine che mi è venuta in mente, ripensando al film, è stata questa.
Una Suzy invecchiata, con ancora però quello sguardo ed ancora e sempre insieme a Sam, che racconta ad un nipote, i figli ormai adulti troppo impegnati a volte per stare ad ascoltare una storia ormai troppo "vecchia", la sua incredibile avventura.
Una avventura di quelle magiche ed indimenticabili, che soltanto in quella età in cui tutto è difficile e sta per esplodere, in cui ti senti diversa e gli adulti non ti capiscono, solo e soltanto in quel momento puoi vivere.

E poi il nipote cresce, diventa adulto ed inizia a dirigere film.
Film originali, poetici, pieni di personaggi forse un pò strambi.
Ma in testa sempre quella storia incredibile che gli ha raccontato da ragazzino la nonna. Così un giorno, è già famoso, decide di portare questo racconto sullo schermo. Chiama i suoi collaboratori più fidati, che per  lui sono quasi una famiglia e fa il film....

Lo so, non è andata assolutamente così, ma sia stato quello che  sia stato, ne è venuto fuori una pellicola che parla di emozioni importanti con poesia e delicatezza.
Il racconto di quanto sia difficile crescere, di come anche gli adulti spesso siano migliori di quello che sembrano, che riesce ad emozionare anche di fronte a due orecchini fatti con ami da pesca e scarabei, pegno d'amore prezioso come e più di qualsiasi diamante.

Un film lieve lieve, benissimo interpretato, dai colori pastello, tenero come un marshmallow,  che fa stare proprio bene.

Per qualcuno è poco, per me è abbastanza....e la nonna sarebbe davvero fiera di suo nipote!









Commenti

  1. Durante la visione ho un pò patito, ma scrivendone e ripensandoci l'ho rivisto come un vero gioiellino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero una cosetta deliziosa,ed io non sono mai stata una gran fan di Anderson.

      Elimina
  2. uff devo devo devo devo andare a vederlo cavolo!

    RispondiElimina
  3. Io l'ho trovato solo un po' prevedibile... ma sulla simpatia non ci piove! Carino :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui ci sta bene anche la prevedibilita'!!Tenero tenero...

      Elimina
  4. hai praticamente realizzato lo spunto per il sequel.
    se wes anderson ti legge, te lo ruba :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se passa di qua mi legge ne possiamo anche parlare!:)

      Elimina
  5. niente niente non è che vuoi diventare sceneggiatrice di Wes Anderson?

    RispondiElimina
  6. Non l'ho ancora visto ma devo assolutamente rimediare... con un cast come questo poi non c'è altro da fare e Anderson... è Anderson!

    RispondiElimina
  7. Ciao! In quanto candidata al premio dedicato al miglior blog di cinema, ti invito a votare qui:
    http://hovogliadicinema.blogspot.it/2012/12/miglior-blog-di-cinema-votate.html

    RispondiElimina
  8. bel blog....vieni su nonsoloci.blogspot.it

    RispondiElimina
  9. Beatrix, la tua recensione, con Suzy in versione nonna, è deliziosa!

    RispondiElimina
  10. Complimenti per la recensione, nonna!
    Effettivamente, Moonrise Kingdom diventerebbe un racconto delizioso per degli eventuali nipoti...

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…