Passa ai contenuti principali

L'ERA GLACIALE 4 - CONTINENTI ALLA DERIVA


Regia: Steve Martino - Mike Thurmeier

Trama: la deriva dei continenti?Colpa di Scrat, alla perenne ricerca della propria ghianda! Ne faranno le spese il mammuth Manny, la tigre Diego ed il bradipo Sid,. Bloccati su un iceberg in compagnia della nonna di Sid, dovranno affrontare i pirati ed altri  mille pericoli per ricongiungersi con la loro stramba famiglia.


Con i cartoni animati sono sempre piuttosto indulgente, ci mancherebbe altro.
Stroncare un film di animazione è per me difficilissimo perchè sostanzialmente deve farmi ritornare un pochino bambina, quindi, la parte tecnica è importante, come un minimo di spessore nei personaggi;  ma fondamentalmente la cosa che vogliamo io (ed i miei due bacarospetti) quando guardiamo questi film, è una ed una sola; trascorrere un paio d'ore di puro e sano divertimento.

E qui casca l'asino, o dovrei dire il bradipo.
Perché la saga de "L'era glaciale" al quarto film, al contrario di "Madagascar", ma lì siamo una pellicola più indietro (si, a me è piaciuto)  finisce irrimediabilmente, purtroppo, con il segnare il passo, ovvero, non fa ridere.
Nonostante Scrat, inconsapevolmente responsabile della deriva dei continenti, che meriterebbe un film tutto suo, ce la metta tutta il film è stanco e piuttosto monotono. 
La storia sa un pochino di già visto.
Non basta l'inserimento di alcuni personaggi come nonnina, un paio di battute divertenti e poco più presenti già bel trailer o l'insopportabile tigre bianca di cui francamente non ci ricordiamo nemmeno il nome, e vi assicuro che a casa mia  per un personaggio dei cartoni animati non è un bel segno, a far decollare il tutto. La battaglia con i pirati pasticcioni si sa come si concluderà ancora prima di iniziare e capitan Sbudella non è decisamente un cattivo carismatico.

Ma a deludere maggiormente sono, purtroppo, i tre protagonisti principali.
Il mammut Manny, pessimamente doppiato da Filippo Timi, che non si capisce come mai continui in questa carriera alternativa, alle prese con la figlia adolescente Pesca è l'ennesima variazione, questa volta a quattro zampe e con le zanne, del padre rompiscatole ed iperprotettivo che alla fine capisce quanto sia importante dare fiducia ai propri figli, tutto già visto e fatto meglio nel recente "Hotel Transylvania". La tigre Diego si innamora...ed è tutto qui. Mentre il bradipo Sid che accoglierà nella sua sgangherata famiglia l'altrettanto sciroccata nonnina era decisamente meglio negli altri capitoli, qua risulta un tantino ripetitivo.

Insomma, forse, spiace ammetterlo, il peggiore dei film di animazione visti in questo 2012 ormai al termine.
Peccato.


Commenti

  1. Concordo. Decisamente deludente.
    Ma si era capito già dal secondo che il brand era destinato a crollare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me per la verità gli altri non erano dispiaciuti per niente, con questo però non ci siamo proprio.

      Elimina
  2. Beh peccato, il primo, l'unico che ho visto, mi sembrava tanto divertente...

    RispondiElimina
  3. Beatrix... sto cercando di scriverti ma non capisco come fare... mannaggia quanto sono imbranato.

    RispondiElimina
  4. E' stato il secondo film visto insieme al grande dopo Madagascar: anche per lui non c'è paragone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS: tra poco abbiamo in programma "Ralph spaccatutto", il trailer promette bene

      Elimina
  5. Non c'e' proprio paragone!Anche noi andremo presto a vedere "Ralph Spaccatutto". Speriamo in bene!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…