Passa ai contenuti principali

SCANDAL




Ognuno di noi, ammettiamolo, televisivamente parlando, ha il proprio "guilty pleasure", ovvero qualcosa che guarda con piacere, sentendosi però, visto la non altissima qualità del programma, un pochino in colpa. 
Nel mio caso si tratta del recentissimo "Scandal".
"Scandal" è l'ultima creatura di Shonda Rhimes, autrice tra gli altri di "Grey's Anatomy", ovvero sia il più grosso catalizzatore di disgrazie della storia televisiva, mollato dopo un paio di stagioni causa fastidio strisciante nei confronti del 99,9% dei personaggi (l'unica a non starmi sonoramente sulle palle era Lexy), e "Private Practice", lasciato perdere anche quello perchè ormai non riuscivo più a capire chi andasse a letto con chi. Quindi fino ad ora non è che le serie scritte dalla Rhimes abbiano proprio incontrato i miei favori, lo ammetto; ma questa volta vengono abbandonati  i bordell le corsie degli ospedali e ci si avventura negli intrighi del mondo della politica.
Olivia Pope è forse la donna più temuta di Washington, ex Direttrice delle Comunicazioni alla Casa Bianca, ha aperto uno studio per gestire le crisi che colpiscono i politici. Insieme alla sua squadra è pronta a ripulire la reputazione di dirigenti e uomini di Stato. A lei non interessa la Giustizia, a lei interessa il cliente.
Diciamolo subito. "Scandal" ha la caratura intellettuale di un "Beautiful" appena un pochettino più patinato e dinamico.
Però, a differenza di altre serie partite bene e crollate poi miseramente, vedi "Last Resort" letteralmente affondato dopo un paio di puntate in un mare di noia, "Scandal", possiede un appeal niente male. Potere, segreti, scandali, inutile nascondersi dietro alla patina intellettuale, sono elementi che, al cinema ed in televisione, incuriosiscono sempre. In questa serie la Rhimes, li mischia con una regia rapida e dialoghi adeguatamente graffianti, dimostrando così con estrema furbizia, di conoscere perfettamente i gusti del pubblico. Ma la vera carta vincente di "Scandal" è la sua protagonista.
Olivia Pope, interpretata da una adeguata Kerry Washington, è un personaggio carismatico, forte, deciso, dotata di un formidabile intuito e anche lei, con parecchi segreti. Non se la cava male neppure il resto del cast, tra cui spicca Henry Ian Cusik l'ex Desmond di "Lost".
Insomma, se si azzerano i neuroni e si passa sopra alla totale inverosimiglianza di alcune situazioni, ma non mi risulta che "Grey's Anatomy" sia diventato particolarmente credibile, nel complesso uno di quei piacevoli prodotti televisivi da guardare la sera, sul divano, con il pigiamone ed un buon bicchiere di vino in mano.

Commenti

  1. Io sono un fan di Grey's, continuo ad amarlo nonostante tutto. Private Practice, invece, l'ho mollato alla prima, troppa noia!
    Recupererò questo Scandal... mi hai convinto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recupera, a me piace assai, lo ammetto!

      Elimina
  2. Mi permetti solo un sospiro compiaciuto per la foto lassù?
    Mitica!

    RispondiElimina
  3. Devo assolutamente mettermi a vedere questi prodotti televisivi!
    Ciao amica cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto per rilassarsi un pò non sono così male...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…