Passa ai contenuti principali

LE BELVE



Regia: Oliver Stone
Interpreti: Aaron Johnson, Taylor Kitsch, Benicio del Toro, John Travolta, Salma Hayek, Blake Lively.

Trama: Laguna Beach, California. Ben e Chon sono amici per la pelle, dividono tutto, compreso l'amore per Ophelia, detta O. Sono anche ricchissimi, perché coltivano e smerciano la migliore marijuana degli Stati Uniti. La loro remunerativa attività finisce ben presto nel mirino dei cartelli messicani...

Don Winslow, per i pochi che ancora non lo sanno, è l'autore di uno dei libri più belli degli ultimi anni, "Il potere del cane". Suo è anche "Le Belve", che, personalmente, ho trovato abbastanza deludente, da cui è stato tratto questa ultima opera di Oliver Stone. Non avendo amato molto il libro, che ammetto però possedere un notevole "potenziale cinematografico", nei confronti de "Le Belve" non avevo grosse aspettative.
Direi, che, fondamentalmente, è andata anche meglio del previsto.
"Le Belve" infatti, non è un brutto film, anzi. Siamo decisamente dalle parti di una discreta pellicola di intrattenimento, migliore degli ultimi prodotti di Stone, che girando questo film, diciamolo pure senza mezzi termini, cazzeggia  come non mai.
Il cast non è malaccio. Il migliore, al solito, è il grande Benicio del Toro. Non sfigurano neppure Aaron Johnson e Taylor Kitsch, che, anche fisicamente, rendono bene i caratteri dei due personaggi. John Travolta rifà se stesso dai tempi di Vincent Vega, sfumatura più sfumatura meno. Blake Lively fa quello che può per rendere sopportabile un personaggio irritante, mentre quella che se la cava peggio è Salma Hayek che nei panni di Elena, regina della droga messicana, più che crudele pare ridicola.
Insomma, "Le Belve" si può vedere certo....però, e qui c'è un però grande come una casa, su tutto il film aleggia un "vorrei essere Pulp Fiction" che, alla fine, risulta un tantinello fastidioso. Stone aveva materiale che, probabilmente, in mano ad un Tarantino, o per meglio dire ad un Robert Rodriguez avrebbe fatto faville certo, ma che pure lui, in altri tempi, avrebbe sfruttato decisamente meglio.
Qui pare abbia abbia quasi paura di esagerare, di sbracare troppo.
 Il male generale che permane il tutto, Ben e Chon non sono meno crudeli e spietati degli esponenti del cartello messicano, rimane lì, in sospeso tra la cattiveria di "Natural Born Killer" e l'umorismo nero, per l'appunto di "Pulp Fiction" in un limbo che finisce con il privare "Le Belve" di una sua identità.
E di quel finale alternativo, che pare tanto imposto dalla produzione, non ne avevamo proprio bisogno.

Commenti

  1. Tutto sommato concordo, anche se a me il finale alternativo non è affatto dispiaciuto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono per niente d'accordo. L'ho trovato senza alcun senso, quasi messo lì a forza.

      Elimina
  2. Leggendo il libro, ho sempre pensato fosse adatto per Tarantino...a me il libro piacque, vedremo ora il film:)

    RispondiElimina
  3. sono d'accordo con te, ha il sapore del già visto.

    RispondiElimina
  4. anche per me un onesto intrattenimento e poco più da un regista che forse non ha voglia più di osare come faceva prima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anni fa avrebbe sicuramente trattato il tutto in modo molto migliore.

      Elimina
  5. non sono andata a vederlo, sbagliando credo perché le recensioni che ho letto a destra e a manca ne parlano tutte in modo positivo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardabile, piacevole visione per una serata rilassante.

      Elimina
  6. Risposte
    1. Niente di clamorosamente eclatante, ma una occhiata la merita.

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…