Passa ai contenuti principali

THE WALKING DEAD - 3° STAGIONE


Le premesse sono le stesse che ho fatto quando ho scritto di questa serie da altre parti, chi ha la pazienza e la voglia di leggere non si aspetti l'obiettività. 
"The Walking dead" è ormai un appuntamento imperdibile a casa nostra, l'unico telefilm che riesce a farci rimanere alzati fino ad un orario che durante la settimana è considerato quasi da suicidio, una passione televisiva nata quasi sorprendentemente, visto il mio terrore atavico per gli zombie, alla prima stagione che non accenna a diminuire. Terminato il preambolo, due parole due sulla terza, attesissima stagione cominciata lunedì sera.

"...fine, but if you're going to stay, this isn't a democracy anymore..."

Li avevamo lasciati così, al termine di una seconda stagione  costellata di clamorose sorprese con il presagio di un deciso cambio di rotta nella storia e nei caratteri dei personaggi.
Rick ha perso la sua bontà, quello che ha fatto a Shane lo ha trasformato, è più aggressivo, più crudele, ma è  il solo leader, l'unico che può mantenere davvero al sicuro tutto il gruppo.
Li ritroviamo dopo aver trascorso l'inverno a nascondersi di casa in casa ed a ammazzare più zombie possibili.
Sono cambiati, tutti.
Ce ne rendiamo conto immediatamente, in un prologo in cui non viene pronunciata una sola parola, ma dove la tensione è palpabile.
Sono certamente più uniti, la fiducia in Rick è incrollabile, persino Carol ora dura e determinata ammette che Shane "non li avrebbe mai portati fino a dove sono arrivati ora".
Non ci sono più dubbi nè scrupoli morali, Herschel che voleva "curare gli zombie" è soltanto un ricordo lontano, perchè c'è la certezza che l'obiettivo può essere uno ed uno solo: sopravvivere il più a lungo possibile, e per sopravvivere bisogna "combattere i morti e temere i vivi".
Quello di lunedì, al solito, è stato un episodio senza respiro, che promette una stagione cupa e piena di azione, e che, soprattutto, ci ha lasciato con tantissime domande:
cosa ne sarà di Lory, a cui per la verità auguriamo  una morte lenta e dolorosa, ormai in procinto di partorire, ed essendo, come tutti, infetta, partorirà uno zombie? Dove stanno andando Andrea, apparentemente malata, e Michionne? Herschel ce la farà nonostante la tremenda amputazione?E soprattutto, gli altri ospiti umani della prigione saranno ostili o no??
Attendiamo risposte ed imperdibili colpi di scena con impazienza.

Commenti

  1. A Lori auguro anche io morte lentissima e dolorosa, ma non le uscirà mai uno zombetto, è più facile che Belen partorisca un moccioso multicolore e tentacolato XD
    Personalmente spero venga approfondita un po' di più la "love story" tra Carol e Daryll *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente zombetto dici??Quindi lei morirà tra atroci tormenti l'asciando Rick vedovo inconsolabile (più o meno...) e pure con un neonato sul groppone???
      Anche io sono curiosa di vedere come si evolve la relazione Carol-Daryll

      Elimina
  2. Non l'ho mai visto, spero di rimediare presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimedia, rimedia. Ne vale davvero la pena

      Elimina
  3. Finalmente è ricominciato! Non vedevo l'ora :)

    RispondiElimina
  4. Non ho volutamente letto il tuo post... devo ancora vedere la prima puntata della terza serie! Nel week-end lo farò e correrò qui a leggere ;). Non vedo l'ora di vederla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendo di leggere le tue opinioni.

      Elimina
    2. Da quel che leggo, Lori non è simpatica a nessuno. Be', ha creato il caos! Non so perché, ma mi piace da morire il modo in cui ora Rick la tratta, quasi non le parla... mi è piaciuta la battuta che le ha rivolto: "Non trattarmi con condiscendenza". Durissimo! Il suo personaggio diventa sempre più affascinante. Come sottolinei anche tu, si rivela pieno di mordente anche il personaggio di Carol: piagnucolosa fino alla seconda serie, ora sta davvero tirando fuori gli attributi. E mi piace! Mi piace il modo in cui i personaggi stanno cambiando e si adattano alla situazione, è molto verosimile. La sceneggiatura di The Walking Dead è a dir poco perfetta.

      Elimina
  5. Uff la vedete tutti ma io non ce la fo, ho paura degli zombie!!! Riuscirò a vincere questa paura? Mah...mi fai venire una voglia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, se ce l'ho fatta io che alla sola parola zombie saltavo sotto la sedia...guardala, ne vale davvero la pena

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…