Passa ai contenuti principali

MISSION IMPOSSIBLE PROTOCOLLO FANTASMA



Regia: Brad Bird
Interpreti: Tom Cruise, Jeremy Renner, Simon Pegg, Michael Nyqvist.

Trama:  Ritenuto responsabile dell’attentato terroristico che ha distrutto il Cremlino, l’agente segreto della Impossible Mission Force (IMF) Ethan Hunt viene allontanato dall’agenzia insieme agli altri membri della sua squadra, quando il Presidente degli Stati Uniti attiva il “Ghost Protocol”. Ormai privo di risorse e di qualsiasi sostegno, Ethan dovrà trovare un modo per riabilitare il nome della sua agenzia e prevenire un altro attentato. A complicare le cose, Ethan viene costretto a intraprendere questa missione al fianco di alcuni ex colleghi della IMF, spinti da oscuri motivi personali a lui sconosciuti.

E' da parecchio tempo che, per svariati motivi, non riesco ad andare al cinema; considerando quello di cui (vorrebbe) principalmente occuparsi questo blog, direi che non è proprio il massimo. Vabbè, pazienza, in attesa di tempi migliori, sia gloria eterna a Sky, che permette il recupero di film non visti prima che cadano definitivamente nel dimenticatoio.

La scorsa settimana è stato il turno di questo "Mission Impossible - protocollo fantasma". Nel 1996 Brian De Palma portò sullo schermo una delle serie televisive che mi avevano divertito di più, unitamente a "Spazio 1999", quando ero una bambina. Il risultato fu un discreto thriller, magistralmente diretto, e non poteva essere altrimenti, e discretamente interpretato da un Tom Cruise all'apice del successo ma probabilmente non ancora divorato dal proprio ego.Successo strepitoso con inevitabili, e per la verità piuttosto fiacchetti, episodi 2 e 3.
Con questo "Protocollo Fantasma" pare che Cruise, affidandolo alle abili mani di Brad Bird, responsabile del magnifico "Gli incredibili" qui alla sua prima esperienza con attori in carne ed ossa, voglia dare alla "sua" saga nuova linfa e soprattutto, ahinoi, un nuovo inizio.
Dico ahinoi perchè, a mio parere, l'operazione è riuscita a metà. Dopo una partenza decisamente scoppiettante, il film pare afflosciarsi quasi su se stesso, o meglio sulla sua componente spettacolare. Nonostante l'innesto di alcuni nuovi personaggi come quelli interpretati da Simon Pegg, a cui spetta la parte più ironica e dal lanciatissimo Jeremy Renner, che se l'è cavata decisamente molto meglio in altre pellicole, "Mission Impossible 4" rimane il film di Tom Cruise, che è indubbiamente in una gran forma fisica, ma  la sua recitazione ha una consistenza davvero molto bassa, parafrasando il mitico Sergio Leone si può dire che il buon Tom ha ormai due espressioni, con il sorriso e senza.
 Il suo Ethan Hunt non è una semplice spia, è superman.
Capace di sopravvivere a qualsiasi cosa senza nemmeno farsi un graffio ma semplicemente inarcando un sopracciglio, padroneggia ogni gadget elettronico senza il minimo sforzo e scala grattacieli praticamente a mani nude. Suo contraltare un cattivo interpretato da Michael Nyqvist, decisamente nullo.

"Mission Impossible 4" è decisamente troppo lungo, e dopo poco si è già dimenticato. Un risultato scarso anche per un film che vorrebbe essere semplice intrattenimento, e che fa apparire Ethan Hunt un agente segreto ormai sull'orlo della pensione.

Commenti

  1. Basta con queste "Mission impossible"... diventiamo più umani...!
    Ciao mia cara , aspetto anche la tua riscrizione...
    Un bacio!

    RispondiElimina
  2. Il lancio in picchiata con la bmw sera 1 alla fine del film è davvero troppo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è decisamente troppo anche per me!

      Elimina
  3. ...uff il primo gnachi gnachi... il secondo era degno di nota solo per i limp bizkit... questo credo lo salterò!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…