Passa ai contenuti principali

FANTASMI DA MARTE







Regia: John Carpenter
Interpreti: N. Henstrige, Ice Cube, J. Statham, J.Cassidy, P.Grier.
  
Trama: Anno 2176. Su Marte, ormai colonizzata dai terrestri, uno scavo riporta alla luce una antica e letale civiltà sepolta. Un gruppo di poliziotti e banditi dovranno allearsi per resistere all'assalto di terrificanti mostri mutanti.

Responsabile di capolavori immortali, tra i tanti "La cosa" ed "Halloween", come di più che dignitosi film "minori", "Il Signore del male" oppure l'ultimo "The ward", nel 2001, John Carpenter decide con "Fantasmi da Marte", di riproporre in chiave fantascientifica parte delle atmosfere già viste in "Distretto 13".
Risultato è questa sorta di oggetto misterioso, che, per la verità, ha fatto storcere il naso a tanti. Passo falso di un grande regista, perfetto esempio del genere "tamarro-trash" o capolavoro di culto incompreso??Propenderei per la prima ipotesi.
Perché "Fantasmi da Marte" avrebbe davvero tutto per essere un cult del genere "tamarro-trash".
Il cast è così scarso che ci si chiede dove il maestro sia andato a pescare un tale gruppo di attori.  Statham ed Ice Cube gigioneggiano alla stragrande, un filino meglio, al solito, se la cavano le signore, anche se la Henstrige, pur bellissima, manca dell'appeal che caratterizza alcune donne guerriere leggendarie come la Ripley di Sigourney Weaver. Tecnicamente poi, "Fantasmi da Marte" è decisamente sotto la media, con una Marte che pare fatta  di cartone, forse in omaggio alla fantascienza anni 50, e mostri mutanti truccati simil tribal-punk piuttosto ridicoli. Quindi Carpenter ha realizzato la parodia perfetta?
No, perchè a "Fantasmi da Marte" manca forse l'elemento principale. L'autoironia. Qui si prendono tutti maledettamente sul serio, tra dialoghi tagliati letteralmente con l'accetta, sottotesti filosofici moralistici, siamo andati a rompere le scatole a casa degli altri e per questo saremo puniti, e scene d'azione veramente noiosissime.
Non si capisce bene quali fossero le intenzioni del maestro, ma il risultato è francamente un vero pasticcio, che, inspiegabilmente, alla prima visione non avevo trovato nemmeno così terribile, mentre ora mi è parso soltanto un esempio di brutta fantascienza, ed invecchiato pure male.
Ma al maestro perdoniamo questo ed altro.


Commenti

  1. Forte il genere "tamarro-trash"..non l'ho visto questo film..ma mi hai incuriosita ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Genere perfetto per rilassarsi. Ma c'è molto meglio di questo "Fantasmi da Marte"!

      Elimina
  2. Sapore decisamente da B-movie, alla prima visione mi era sembrato proprio questo, un prodotto dai mezzi non eccelsi che però non mi aveva deluso totalmente, anzi a tratti anche divertente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh..invece a me non ha divertito troppo.

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…